Call center

340.6850751
From Monday to Friday
From 9 am to 19 pm

Legal advice

A correct approach to deal with legal issues.

Psychological support

Practical help to process the trauma.

House shelter

A safe and secure place to rebuild your lives.

Il Centro

liberetutte's picture

Il Centro Antiviolenza

Il Centro Antiviolenza Liberetutte : è un luogo dove affrontare ed elaborare il trauma della violenza e gli effetti che questa produce sia sulla donna vittima sia sui figli che assistono gli atti violenti. Al centro non si viene giudicate nè si decide per le donne che vi si rivolgono,si può mantenere l'anonimato e decidere tranquillamente il da farsi. Grazie al lavoro svolto da un  gruppo composto da sole donne con una lunga esperienza sul campo,  capaci di comprendere lo stato d'animo di una donna che subisce qualsiasi tipo di violenza (fisica,psicologica,economica) il centro offre sostegno e aiuto per uscire dal vicolo cieco della violenza. Il Centro dispone di un centralino telefonico informativo ed è in grado di fornire consulenza legale, sostegno psicologico e, se necessario, un rifugio temporaneo.

Tags: 

VIOLENZA ECONOMICA - L’espressione meno nota della Violenza Domestica

Si sente sempre più parlare di violenza fisica, sessuale, psicologica, ma non si parla mai di una violenza altrettanto diffusa e lesiva quale la violenza economica.
Essa è una forma di violenza difficilmente riconoscibile e poco denunciata.

Tags: 

Allegato: 

liberetutte's picture

LiberetuttePiù

Più protezione, Piùqualità, Più accoglienza!

Un progetto finanziato dal Ministero delle Pari Opportunità per offrire più sicurezza alle donne che si rivolgono ai centri antiviolenza e che vengono ospitate nelle Case Rifugio,attraverso azioni di accoglienza telefonica disseminate in tutto il territorio,attraverso azioni di sostegno per l'inserimento lavorativo,attraverso azioni di partecipazione.

Tags: 

liberetutte's picture

Quali servizi offre il centro antiviolenza

Il fenomeno della violenza di genere ,in particolare la violenza domestica, è un fenomeno articolato e multiforme che,nel momento in cui emerge,coinvolge numerosi soggetti : Forze dell'Ordine,Servizi Sociali e Sanitari,Tribunale Ordinario e/o Penale,Tribunale per i Minorenni,Avvocati,tutti con finalità e modalità operarive diverse.

Tags: 

liberetutte's picture

Tutte le attività del Centro Antiviolenza

  • Accoglienza telefonica
  • Colloqui individuali
  • Ospitalità in case rifugio
  • Supporto ai minori vittime di violenza diretta o assistita
  • Assistenza/consulenza legale
  • Consulenza psicologica
  • Attività di sensibilizzazione e prevenzione
  • Orientamento e accompagnamento al lavoro
  • Costruzione di tavoli territoriali,reti regionali,nazionali ed internazionali
  • Raccolta dati
  • Ricerca

Tags: 

liberetutte's picture

Perchè solo donne?

I centri antiviolenza sono gestiti solo da donne che lavorano per le donne: tale decisione afferma la capacità delle donne di auto organizzarsi per opporsi alla violenza maschile in luoghi dove non ci sono regole dettate dalla cultura maschilista.

Di conseguenza si possono così riassumere alcune parole chiave :

auto-aiuto : donne che si sostengono a vicenda e trovano soluzioni per lottare contro al violenza maschile.

Tags: 

liberetutte's picture

Valori - Principi - Politiche

L'importanza della centralità del punto di vista della donna vittima di violenza nella ricerca di soluzioni e risposte al suo problema.

Il processo di empowerment (rafforzamento) delle donne al fine di riguadagnare potere e controllo sulle proprie vite.

Il valore per le donne vittime di condividere la stessa esperienza con altre donne in situazioni simili.

L'impegno a rispondere ai bisogni dei figli e delle figlie delle donne che hanno subito violenza e quindi a riconoscere anch'essi vittime della violenza maschile.

Tags: 

liberetutte's picture

La storia dei centri Antiviolenza

 

I primi centri antiviolenza in Italia risalgono agli inizi degli anni '90,mentre negli anni '80 erano già presenti nel nord Europa.

Fino ad allora,le donne vittime di maltrattamenti non avevano luoghi dove rivolgersi per essere ospitate o semplicemente ascoltate e sostenute nei propri diritti.

Non c'erano campagne di informazione,nè servizi sui media; il divorzio era una rarità ,oltretutto molto stigmatizzante per le donne,che quindi “preferivano”restare intrappolate in relazioni violente,senza via di fuga.

Tags: 

Liberetutte newsletter

Stay informed on our latest news!